WiFi4EU: Riapre call UE per Internet gratis nei Comuni

Dopo l’annullamento della prima call, in autunno ripartirà il bando europeo di WiFi4EU, l’iniziativa promossa dall’UE per la diffusione di connessioni wifi gratis negli spazi pubblici. A disposizione più di 2.500 voucher per costituire punti di accesso a Internet senza fili gratuiti.

A seguito della cancellazione del primo bando lanciato lo scorso maggio, la Commissione UE ha annunciato per il prossimo autunno la riapertura della call di WiFi4EU, l’iniziativa – supportata dal Meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility, CEF) – per la realizzazione punti di accesso wifi gratis nei Comuni europei.

WiFi4EU

Annunciata dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2016, l’iniziativa WiFi4EUrientra nell’ambiziosa revisione delle norme UE in materia di telecomunicazioni, che comprende nuove misure per rispondere alle crescenti esigenze di connettività dei cittadini europei e per rafforzare la competitività dell’Europa.

WiFi4EU offre ai Comuni finanziamenti per un valore di 15mila euro per installare punti di accesso wifi in spazi pubblici tra cui biblioteche, musei, parchi pubblici e piazze.

A disposizione una dotazione di 120 milioni di euro dal bilancio dell’UE per finanziare nei prossimi anni le apparecchiature necessarie ai servizi wifi gratuiti pubblici in 8mila Comuni in tutti gli Stati membri e in Norvegia e Islanda.

Lo scorso maggio è stato lanciato il primo bando, successivamente annullato a causa di problemi tecnici per l’accesso al portale WiFi4EU.

Anticipazioni sulla riapertura del bando

In base alla tabella di marcia pubblicata dalla Commissione UE, dalla seconda metà di settembre sarà possibile accedere al portale WiFi4EU in vista dell’apertura del bando, che avverrà nel corso dell’autunno; la data esatta è in corso di definizione.

A disposizione ci sono oltre 2.500 voucher da 15mila euro, che potranno essere richiesti dai Comuni europei per coprire le spese per l’attrezzatura e per l’installazione degli hotspot wifi. I costi per la connettività (abbonamento a Internet) e la manutenzione delle attrezzature per almeno 3 anni dovranno invece essere pagati dai Comuni.

I beneficiari si faranno carico anche dei costi relativi alle procedure d’appalto per individuare l’azienda cui affidare il servizio di installazione della rete wifi.

I vincitori saranno annunciati circa sei settimane dopo la chiusura del bando; successivamente i Comuni selezionati riceveranno un’email con la richiesta di firmare una convenzione di sovvenzione.

 

Fonte, fasi.biz