“Biblio in Lab”, si chiude la prima edizione

Si è chiusa la prima edizione dell’iniziativa “Biblio in Lab”, un progetto ideato dall’Associazione Maendeleo-Italia Onlus – grazie al sostegno del Comune di Parma e con la collaborazione di Maendeleo For Children di Ciampino, New DSA Network e lo Spazio Giovani della Biblioteca Civica, con l’obiettivo di promuovere la lettura come fonte non solo di conoscenza, ma anche di divertimento e condivisione per 80 ragazzi tra gli 11 e i 18 anni, con particolare attenzione all’inclusione di quelli con DSA e BES, attraverso la raccolta di libri usati, logori ed obsoleti.

Un’esperienza stimolante e certamente un progetto replicabile su scala nazionale, grazie al quale i ragazzi coinvolti hanno potuto riscoprire l’importanza della lettura e della biblioteca come luogo vivo di socializzazione che gioca un ruolo centrale nella formazione culturale e sociale dei ragazzi.

Dopo un primo momento di raccolta dei libri usati e anche obsoleti e pronti a divenire “rifiuto”, che ha visto il coinvolgimento dell’intera cittadinanza, è stato allestito il “BOOK SHELF” uno scaffale interamente dedicato alla selezione dei libri usati, all’interno dello Spazio Giovani della Biblioteca Civica di Parma.

Ai ragazzi che hanno partecipato ai quattro laboratori è stato poi spiegato il valore sociale del “recupero e del riuso”: con la carta riciclata sono stati realizzati dei “Diari” sui quali i ragazzi, dopo aver preso in prestito un libro dal “Book Shelf”, hanno potuto lasciare impressioni e sensazioni che la lettura del testo aveva suscitato in loro; spunti di riflessione che hanno permesso ai ragazzi di conoscersi attraverso il “diario” e le sensazioni che il testo stesso aveva suscitato, favorendo la nascita di rapporti tra giovani basati sulla condivisione e su passioni comuni.

Per lo Spazio Giovani in Biblioteca Civica è stato un progetto arricchente, innanzitutto perché ha dato la possibilità ad educatori e bibliotecari di confrontarsi con altri professionisti del settore educativo-pedagogico” –dichiara Chiara Arneodo, educatrice della biblioteca civica- . Inoltre, ha permesso di valorizzare il patrimonio di audio libri e strumenti per Dsa che la biblioteca possiede e che molti dei ragazzi che frequentano quotidianamente lo spazio, non conoscevano. Il laboratorio creativo è stato un momento che ha favorito l’incontro tra ragazzi ed ha portato a spazi di confronto, condivisione e narrazione di sé, oltre ad averli incuriositi sui tanti libri raccolti dalla associazione. La Biblioteca Civica ormai da 4 anni cerca di proporsi come uno spazio pedagogicamente vivo, ricco stimoli ed attività sempre nuove e pensate per la fascia di età 12-19 anni; “Biblio in Lab” ha portato una nuova ed interessante metodologia per utenti ed educatori”.