MfC tra i vincitori del Bando Cariparma

Nell’area metropolitana di Roma ci sono molte realtà non profit che assistono ragazzi con difficoltà di apprendimento, affetti da DSA (disturbi specifici dell’apprendimento). Tra queste ci sono Maendeleo for Children (MfC), che a Ciampino da quattro anni si occupa in particolare di ragazzi che vivono in situazioni di disagio legate a disturbi dello spettro autistico, disturbi dell’apprendimento, iperattività, o a disagio socio-economico e Maendeleo-Italia onlus (Ami) associazione di volontariato impegnata nella cooperazione internazionale e in progetti di educazione allo sviluppo.

Per far sì che i disturbi specifici dell’apprendimento non diventino per i bambini e ragazzi un ostacolo lungo la loro carriera scolastica, MfC da tempo cura la raccolta e la distribuzione di materiali didattici e attrezzature per i membri della Rete NDSAN (New DSA Network), rete di cui è fondatore e coordinatore. L’obiettivo del network, composto da oltre 60 membri pubblici e privati italiani e stranieri, è sviluppare metodi innovativi riguardo alla gestione dei disturbi e le patologie del neurosviluppo in età infantile.

E’ questa realtà non profit di Ciampino ad essere stata ammessa a ricevere un contributo dalla Fondazione Cariparma: grazie ad essoMfC ha ora la possibilità di implementare questo sistema di raccolta e distribuzione di devices elettronici utili ad assistere bambini e ragazzi con DSA anche a Parma, attraverso il progetto “3R-NDSAN” di cui è capofila. Le 3R riportate nel progetto sono quelle del Recupero, del Riciclo e del Riuso.

Infatti, per MfC il miglioramento della qualità dei servizi terapeutici e di sostegno offerti ai minori che soffrono di disturbi legati alla neuropsichiatria (come nel caso dei DSA) passa anche da un sistema stabile e sostenibile di raccolta delle apparecchiature di supporto e di giochi didattici donati da famiglie ed aziende, coinvolte con una campagna di sensibilizzazione creata ad hoc, che grazie al progetto della Fondazione Cariparma inizierà anche a Parma e provincia.

Il servizio è già attivo nel Lazio da quasi due anni e ad oggi ha permesso di supportare le ASL, le associazioni e le cooperative aderenti alla rete NDSAN attraverso la consegna di quantità importanti di supporti utili per l’apprendimento degli studenti. Alcuni esempi: dall’inizio delle attività MfC ha donato 400 libri didattici e di narrativa, 14 banchi con sedie, 10 kg di cancelleria, 300 giochi didattici adatti alla sviluppo cognitivo per bambini di età compresa tra 0 e 12 anni, 100 capi di abbigliamento per bambini o mamme in difficoltà, 15 pc comprensivi di stampanti, schermi, webcam ed altrettanti telefoni, più 100 libri interattivi.

A Parma gli apparecchi informatici verranno raccolti, stoccati e poi consegnati agli enti pubblici e privati non profit, alle scuole e agli enti sanitari della zona aderenti al progetto NDSAN che ne facciano richiesta.

I beneficiari del progetto sono molteplici: innanzitutto, attraverso questa iniziativa si dà una risposta al problema della carenza di supporti informatici per bambini e ragazzi con Sindrome dello Spettro Autistico, Disturbi di Apprendimento o altri BES (Bisogni Educativi Speciali). Le donazioni di dispositivi elettronici, ancora in buono stato e utilizzabili, diventano centrali per far sì che i minori possano ricevere il supporto ageduato in sinergia con la scuola e la famiglia, potenziando le loro capacità cognitive.

Inoltre, recuperare e riutilizzare dispositivi elettronici che altrimenti sarebbero stati destinati ad una discarica, permette di ridurre la quantità di rifiuti prodotta in città con minori costi per la collettività ed evidenti benefici ambientali.

È una buona pratica, quella portata avanti da Maendeleo for Children, che offre un aiuto concreto ai tanti studenti che soffrono per questo tipo di disturbi: grazie ai benefici fiscali introdotti, si spera ci possano essere in futuro ancora più donazioni di apparecchiature e sussidi.