Marino, dietrofront dei grillini sulla Multiservizi

Riceviamo e pubblichiamo

In aula consiliare, dopo aver incassato l’unanimità per la nostra mozione sulla TRASPARENZA della Multiservizi, abbiamo assistito ad un quasi sensazionale cambio di visione della maggioranza pentastellata sulla MULTISERVIZI dei Castelli di Marino con collegato “processo di beatificazione” del suo Direttore Generale, cosa che ci ha fatto molto piacere. 

Con la proposta di trasformazione della Multiservizi in Azienda Speciale di diritto pubblico, il nostro obbiettivo principale rimane il perseguimento della stabilizzazione e della tutela massima dei lavoratori, anche con un rapporto di lavoro che da privato diventa pubblico. 

La maggioranza grillina di Palazzo Colonna ha bocciato questa proposta e ha riconosciuto e attestato in seduta la solidità economica e finanziaria, invertendo di fatto la rotta rispetto a quanto sbandierato in campagna elettorale dove aveva urlato che, in caso di vittoria, avrebbe fatto tabula rasa della Multiservizi e di tutti i lavoratori. 

Ma allora, con un azienda che era ed è in piena salute, perchè, per esempio, si è cambiato anticipatamente l’Amministratore Unico? 

Nonostante la bocciatura, l’astensione dei Consiglieri Cecchi e Pisani (centrodestra) e il voto contrario della Consigliera Minnucci (Destra), siamo comunque soddisfatti che la nostra proposta abbia aperto un dibattito e portato la maggioranza sul terreno del confronto. 

Un terreno sul quale come Centrosinistra e MCD, continueremo a lavorare con propositività, aperti a tutti coloro che vorranno condividere e arricchire il dibattito e le proposte sui bisogni dei cittadini e le istanze dei giovani e dei lavoratori. 

 

Partito Democratico Marino